fbpx
Cos'è una moodboard di matrimonio e a cosa serve: l'esempio firmato La Sposa negli Alberi

Moodboard di matrimonio, cos’è e a cosa serve: il progetto stilistico del Sì

La moodboard di matrimonio è uno strumento utilizzato da diversi professionisti del settore, tra cui in particolare Wedding Planner e Wedding Designer. Essa è una raccolta di elementi che permette agli sposi di avere in anticipo un quadro completo e realistico di come sarà il loro evento. Le coppie, infatti, non sempre hanno le idee chiare sulle componenti che lo andranno a definire e su come queste si mescoleranno tra loro.

Un insieme di oggetti che rappresentano alcuni degli elementi della moodboard di matrimonio

Wedding Planner e Wedding Designer: la differenza

Wedding Planner e Wedding Designer sono due professionalità molto diverse tra loro e, per questo motivo, anche le loro moodboard di matrimonio sono differenti. La mia figura si occupa esclusivamente degli elementi che compongono la scenografia dell’evento. È per questo motivo che il mio progetto sarà più dettagliato dal punto di vista del design. Se sei una persona che non vuole rinunciare all’organizzazione delle nozze ma che ha bisogno di aiuto in questo ambito, sei nel posto giusto.

Il termine che preferisco utilizzare per definire i miei progetti è quello di tavola di stile. La mia moodboard racchiude ogni aspetto connesso all’estetica del matrimonio. Essa è la presentazione di ispirazioni visive e tattili che consentiranno di capire esattamente quale aspetto e quale atmosfera avrà l’evento nello stile, nei colori e nei materiali. È un progetto creativo – non organizzativo – realizzato su misura dei futuri sposi e, soprattutto, insieme a loro.

Alcuni esempi di moodboard di matrimonio: i colori autunno inverno
Alcuni esempi di moodboard di matrimonio: i colori primavera estate

Creare la moodboard perfetta: l’interattività è la chiave

La moodboard di matrimonio perfetta è un lavoro a tre. La chiave per realizzarne una senza commettere errori, infatti, è l’interattività. È per questo motivo che una buona fase di briefing è indispensabile. Durante i primi incontri, ascolto con attenzione i desideri della coppia. Inoltre, mi informo sugli elementi che hanno già scelto, come la location e gli abiti. L’obiettivo è quello di tirare fuori il loro carattere per includerlo nell’allestimento e in ogni elemento del mio lavoro.

Dopo avere compreso ciò che i futuri sposi vogliono, inizio a mettere insieme i pezzi. Non c’è nulla di predefinito né tanto meno di tassativo. La tavola di stile è sempre in via di definizione. I protagonisti dell’evento la vedranno comporsi passo per passo. La realizzazione, a discapito di quanto si può pensare osservando il lavoro completo, avviene sulla base di diversi step. Per ognuno di essi la coppia è chiamata a offrire il suo punto di vista.

Sia lo sposo sia la sposa sono in genere molto coinvolti nelle diverse fasi di creazione del progetto (ad eccezione, ovviamente, di quel che concerne gli elementi per cui uno dei due deve rimanere all’oscuro). Il mio metodo si rivela una vera e propria esperienza da vivere insieme.

Mary a lavoro col suo Floris di fiducia per creare una moodboard di matrimonio
Mary sceglie insieme agli sposi gli elementi da inserire nella moodboard di matrimonio

Moodboard di matrimonio: come è composta

Cos’è nel concreto una moodboard di matrimonio? Inevitabilmente, te lo starai chiedendo. Il progetto si compone orizzontalmente di diversi elementi estetici come la wedding stationery, l’allestimento floreale, la mise en place e il light design. Per ognuno di essi, verticalmente, si andrà a strutturare un processo di creazione con la collaborazione dei diversi fornitori coinvolti.

I quattro step principali della realizzazione sono:

  1. Raccolta di immagini: La raccolta di immagini di ispirazione per l’evento è un passaggio importante per iniziare a mettere nero su bianco le idee, che spesso possono essere ancora poco definite al momento briefing. Le fotografie e i video possono essere presi dal web, da riviste e tanto altro.
  2. Prova colore: La scelta dei colori del matrimonio è il primo elemento concreto che definisce la tavola di stile. Con le diverse prove, si definiscono le nuance dominanti che rappresenteranno il filo conduttore per i diversi elementi estetici del giorno del Sì. Un evento acceso ed estivo avrà determinati colori, mentre un matrimonio più delicato e fiabesco ne avrà altri.
  3. Bozzetti: Dopo avere trovato una quadra dal punto di vista delle tonalità, è possibile iniziare a creare i bozzetti. I miei sposi amano vedere le loro idee prendere forma attraverso i disegni. Si stupiscono sempre quando, al momento dell’evento, quegli schizzi si concretizzano nell’allestimento.
  4. Materiale campione: La scelta del materiale campione rappresenta l’ultimo passo prima dell’allestimento finale. Dall’esperienza visiva, si passa a quella tattile. La carta della wedding stationery, i tessuti del tovagliato per la mise en place, i fiori e tanto altro. Gli sposi possono toccare con mano un’anticipazione del progetto completo.

Le parole, però, lasciano il tempo che trovano. È per questo motivo che ho deciso di mostrarti la moodboard completa che ho realizzato per il matrimonio di Margherita e Felice Sfoglia la galleria e non esitare a contattarmi per averne una anche tu, firmata La Sposa degli Alberi!

Chat on WhatsApp

Contattami per disegnare insieme il tuo matrimonio!

Inserisci il tuo nome e cognome
Inserisci il tuo indirizzo e-mail
Inserisci il tuo numero di telefono
Inserisci il testo del messaggio
  • Conferma di aver letto e accettato l'informativa per il trattamento dei dati personali

Segui @lasposadeglialberi su Instagram